Galleria d'Arte Contemporanea | Modena | +39 327 1841147

Stefano Ricci - La cosa viva

Complesso conventuale San Paolo Modena

Stefano Ricci
La cosa viva

Duecento disegni di gesso bianco e inchiostro nero

30 settembre - 23 ottobre 2021
presso Sale di Cultura del San Paolo
ex Chiesa e Sala delle Monache
via Francesco Selmi, 63
Modena

 

INAUGURAZIONE:
30 SETTEMBRE 2021
17.30 – 19.00
COMPLESSO SAN PAOLO, CHIESA SAN PAOLO E SALA DELLE MONACHE
Inaugurazione della personale di Stefano Ricci, pittore e illustratore, autore del DIG Watchdog 2021

Intervengono:

Stefano Ricci (artista)
Andrea Losavio (curatore)
Andrea Bortolamasi (assessore)

DIG e galleria D406 presentano in esclusiva una mostra personale di Stefano Ricci, ospitata negli spazi della Chiesa e dell’ex Oratorio del complesso San Paolo, da poco riaperti e restituiti alla città dopo i lavori di restauro post sisma.

L’allestimento nasce appositamente per dialogare con gli spazi suggestivi delle due sale ed espone una ricca selezione di più di cento lavori dell’eclettico artista bolognese – pittore, illustratore, grafico e fumettista di fama internazionale – che ripercorrono i temi fondamentali della sua opera.

Al centro di tutto c’è il disegno, punto di partenza che lo ha portato negli anni a sperimentare nuove forme creative, spaziando tra teatro e cinema, musica ed editoria, con un approccio stilistico sempre riconoscibile.

 

ORARI durante DIG
1, 2 e 3 ottobre
dalle 11 alle 20

 

Martedì, mercoledì, venerdì e sabato
dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19.30

 

DOMENICA 3 OTTOBRE 2021
ORE 21.00
Chiesa di San Carlo
"Unmute"
Massimo Volume / Stefano Pilia (solo)
Stefano Ricci live painting

  • stefano ricci

    Stefano Ricci

    Disegnatore, dal 1986 collabora con la stampa periodica e l’editoria in Italia e all’estero.

    E’ del 1989 la sua prima pubblicazione “Dottori” (Metrolibri), alla quale sono seguiti “Ostaggi nello spazio” (Salani, 1994), “Don Giovanni” (Salani, 1995, selezionato alla BIB, Biennale dell’illustrazione di Bratislava), Il magnifico libro del Signor Tutto (E. Elle, 1995) e “Lamioche” (Edition Demoures, 1999).

    Per i fumetti, oltre ad alcune storie brevi, ha pubblicato Tufo, su sceneggiatura di Philippe de Pierpont (Granata Press,1994; “Strapazin”, n°’b0 34, 1995; Amok, 1996), selezionato nel 1997 per il XXV Festival di Angoulême.

    Sempre partendo dal disegno lavora per il teatro: collaborando a Bologna con il Teatro Testoni, la Compagnia di Leo De Berardinis, il Teatro della Polvere, la Compagnia Modica Manchisi, il Centro di Promozione Teatrale ‘La Soffitta’ (di cui ha realizzato il logo); per la danza: dal 1996 è l’autore di tutti i materiali di accompagnamento ai progetti di Raffaella Girdano e dal la Compagnia Abbondanza Bertoni; e il cinema: con Mario Martone e Giovanni Maderna.

    Dal 2003 è direttore artistico di “Bianco e nero” rivista del Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma. E’ docente del corso di fumetto e grafica contemporanea al D.A.M.S. Gorizia, Università degli Studi di Udine, ed insegna disegno all’Università delle Arti Applicate di Amburgo.

Complesso conventuale San Paolo

via Francesco Selmi, 67 - sala refettorio - cortile del leccio - 41121 Modena (Modena)